Come la percezione del tempo influenza la nostra vita

Tiziano Caleffi
5 Luglio 2024

Dalla notte dei tempi, l’uomo si è sempre interrogato sul concetto di tempo e su come esso influenzasse il suo agire su questo mondo, una costante realtà da sempre oggetto delle più grandi speranze ma anche delle più incontrollabili paure.

Il tempo rappresenta una grandezza fisica e indica la percezione del susseguirsi degli eventi.

Da un punto di vista antropomorfo, lo scorrere del tempo può rappresentare un elemento da cui possono scaturire emozioni diverse, dalla felicità per gli attimi vissuti alla malinconia per quelli che non torneranno fino ad arrivare all’ansia e alla paura di perderne il controllo.

La percezione del tempo varia con l’avanzare dell’età: quando siamo bambini, spesso, le ore sembrano interminabili, mentre, man mano che cresciamo, gli anni scorrono inesorabili e lasciano sempre meno spazio alla noia e al riposo.

Crescendo possiamo scegliere, con non poche difficoltà, se concepire il tempo come un nostro alleato o come un nemico da combattere. È chiaro che da questa scelta scaturisce la possibilità di essere sereni o di vivere nel costante tormento. Esiste un tempo degli eventi e un tempo delle emozioni, quest’ultimo molto più permanente e molto più intrusivo e impattante sulla nostra psiche.

L’angoscia che scaturisce dall’impotenza di fronte alla volontà di governare il tempo è uno dei fattori determinanti nell’innescare un processo autodistruttivo, di stallo vitale con forti ripercussioni sul tono dell’umore e sulla capacità di azione e movimento.

Uno dei comportamenti che mettiamo in atto, quando siamo in balia dei turbamenti emotivi legati allo scorrere del tempo è quello di fermarci convinti che da un momento all’altro tutto avrà chiarezza. Questo è un grande errore che ci accompagna nella crescita, nutrendo il senso di colpa rispetto al rimpianto di non aver fatto abbastanza.

Fortunatamente non per tutti il tempo rappresenta una condanna. Esistono individui che sono capaci di sfruttare la massimo ogni giorno della loro vita e di goderselo senza il suo fluire causi loro stress. Sono persone che hanno accettato la condizione immutabile del passaggio del tempo, hanno imparato a farlo loro alleato e a sfruttare ogni momento con consapevolezza, riempiendo la loro vita di attimi, ognuno con un sapore diverso ma forte e chiaro.

La vita è un bagaglio di ricordi che cresce lungo tutto il suo corso. Spesso, guardando indietro, ci rendiamo conto di come il tempo sia passato velocemente e di come le emozioni abbiano sigillato ricordi nella nostra memoria.

Comprendere che il tempo è una risorsa e non una condanna e avere la consapevolezza che ha una durata limitata per noi, sono elementi fondamentali per decidere dove impiegarlo e soprattutto a chi donarlo. 

La parola d’ordine rimane sempre: EMOZIONARSI!

Simone Lamberto – psicologo clinico

Aree e servizi
Dona ora

Iscriviti alla Newsletter
Facebook
Twitter

Visualizzazioni: 13
2020 - Le Mille e Una Notte Cooperativa sociale. Tutti i diritti riservati. P.IVA: 05183141000
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
Copy link
Powered by Social Snap